QUANDO PIOVE E TIRA VENTO…

… chiudi l’uscio e resta dentro.

Era in progetto di salire alla clubhouse (le malghette di Sorasengi) ed inaugurare con un poderoso lesso e pearà ‘montano’ la stagione, ma Giove Pluvio (nella persona delle previsioni del tempo di un telefonino) ci ha messo becco e si è dovuto rinunciare. La carne era stata comprata, alcune persone avvisate… Ed allora tutti da Giacomo al Maset.

Il sottoscritto, proprietario del telefonino incriminato, è stato insultato praticamente tutto il giorno perché si che si poteva andare (ma siete tutti matti) e solo ogni tanto pioveva (ma ogni tanto no) e col sole si stava bene (ma quando andava via faceva un freddo bisso) e si che lassù si stava bene (ma anche no: saremmo tornati infangati e bagnati). In realtà la ragione era dalla mia parte: la giornata era da stare in casa col camino acceso, perbacco! E non avrebbero guastato l’atmosfera due castagne arrosto con l’amarone.

Per gli intervenuti da Giacomo il solito mesto digiuno domenicale: acqua e croste di pane secco 🙂 Quando verso le tre, dopo fegato alla veneziana, tagliolini in brodo, bollito con salse varie, contorni, dolci e dolcetti, sbrisolona con la grappa, caffè e ammazzacaffè, ho riattaccato con le noccioline americane e chiesto se c’era qualcosa da bere hanno ricominciato ad insultarmi… Ehhh neanche avessi chiesto l’America 😀

Un pensiero su “QUANDO PIOVE E TIRA VENTO…

  1. Merita un commento: il generatore eolico dell’ultima foto è quello di Rivoli, che mi sono fermato a fotografare mentre tornavo, Pioveva e faceva freddo ma le pale gli giravano che era una bellezza… A me piacciono. Riciao a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *