8 lug 2012: II concerto 2012 di Malga Zocchi (GbC)

Quest’anno niente bici. L’automobile neanche perché non ce l’ho e comunque non sarebbe politicamente corretta. E allora? Allora la Vespa! Quest’anno sono andato a Malga Zocchi in Vespa. Cotto dal sole, bruciato dall’anticiclone africano sono giunto alla Malga poco prima del fuoco alle polveri. Le foto che ho scattato sono visibili qui.

Il consueto spettacolo mozzafiato della montagna che si butta a precipizio nel lago a colpire l’anima ed il cuore, l’orchestra al coperto, i peones (come me) sotto una canicola da sahara. C’è tutto e si può iniziare. Quest’anno Mozart.

Tutti zitti che si comincia… Il Sindaco di San Zeno (ma che simpatica!) ad aprire l’evento, come si conviene. Poi l’introduzione dovuta del direttore, che ha messo tutti i presenti in grado di meglio apprezzare la prossima esecuzione. E via… Inizia la musica.

Lo spettacolo è stato meraviglioso.

Mi aggiravo cercando belle inquadrature per scattare quando vedo arrivare due ciclisti. Tutti vestiti di nero, bici da discesa di ottima fattura, attrezzatissimi. GPS, cartine… Austriaci in cerca di una pista da downhill (la disciplina di quelli che si buttano a capofitto giù per sentieri dei boschi). In inglese parlottiamo. No, non lo so dov’è il sentiero per scendere… Mi domandano del concerto, stupiti di trovare una orchestra in mezzo alle montagne. Ed io, con una faccia di bronzo da Guinness dei Primati ‘No no’, dico, ‘È che in Italia amiamo molto la musica classica e ogni domenica, spwecie qui intorno, è sempre pieno di orchestre e concerti tqanto che abbiamo l’imbarazzo della scelta. Poi Mozart ci piace tantissimo e passiamo tutte le domeniche col caldo, il sole, la montagna e Mozart.’ Tiè… Ecché dobbiamo sempre fare la figura dei grulli? Me li immagino che tornano a casa e raccontano che in Italia la domenica è pieno di orchestre in montagna che fanno Mozart 🙂

Comunque l’esecuzione perfetta, la stagione ideale, il luogo bello da stordire hanno reso questo secondo appuntamento di Malga Zocchi una delle migliori giornate di musica i montagna che si ricordi. Almeno lo sarà fino al prossimo anno 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *